Raggio di luce (Italiano)

01/01/2011 00:00

 

Se l’unica realtà è il passato,

dov'è quel bambino che nato,
quel giovane che usava la mia mente per sognare,
l’uomo che ero ieri, questa mattina,
o il giusto un’attimo fa?
Ci sono stati, amarono, sorridono, oppure hanno pianto,
in qualche pezzetto del tempo,
ma lì non vi sono più. 
E se la certezza sta nel futuro,
chi sará e dove, l’uomo che sarò dalì a poco,
domattina, fino a quando non saprei?
Tale e quale quello del passato,
non riesco a trovarlo nemmeno.
Entrambi saranno vivi,
ma nessuno esiste.
Siamo, in realtà,
Un l’unfinità di esseri diversi,
e adogni avanzo millimetrico del tempo,
riveliamo questo essere confuso,
magico, incomprensibile,
che siamo adesso.
 
Nella velocità incommensurabile della luce,
la Terra si muove nell’universo,
attaccata alla propria galassia.
 
E tu, che hai letto questo poema fino alla fine,
già ti trovi a chilometri dall’inizio,
e non sei più la stessa persona,
che qualcuno ha visto e conosciuto. 
 
 
Copyright © Escritor Alcione Sortica. Todos os direitos reservados.
Tradução do Professor Emilio Daiocchi (2009).